Zitiello Associati logo

Webinar – La gestione a distanza dei rapporti con la clientela in ambito bancario e finanziario – 7 maggio 2020 ore 9,30

Webinar: La gestione a distanza dei rapporti con la clientela in ambito bancario e finanziario. Giovedì 7 maggio 2020 – Relatore: Fabio Coco   Si è parlato delle novità introdotte dall’art. 4 del D.L. n. 23/2020 (Decreto Liquidità), con un focus sulle indicazioni contenute nella Raccomandazione Banca d’Italia del 10 aprile 2020 e approfondimenti su firme elettroniche, documenti informatici e “contingency plan” . La gestione della fase dell’emergenza continua e necessita di opportuni approfondimenti. Abbiamo parlato  della conclusione di contratti a distanza e di gestione a distanza di disposizioni relative a contratti quadro preesistenti, l’adempimento a distanza degli obblighi in materia antiriciclaggio, gli adempimenti informativi e documentali tramite tecniche di comunicazione a distanza nella prestazione di servizi bancari e di investimento. Per informazioni e iscrizioni: info@paradigma.it Scarica il programma

Lo Studio vince in Corte d’Appello a Firenze per Credito Emiliano

Abbiamo assistito con successo, con Benedetta Musco Carbonaro, il Credito Emiliano,  sia in primo grado e ora di fronte alla Corte di Appello di Firenze, che ha confermato interamente la precedente sentenza.

La pronuncia è particolarmente rilevante perché la Corte di Appello, integrando la motivazione della sentenza del Tribunale, si è pronunciata con ampia argomentazione in punto di prescrizione, affermando il principio per cui, in caso di operazioni di investimento poi rivelatesi pregiudizievoli per il cliente, il termine di prescrizione non può decorrere dall’imprecisato momento in cui il danno – ossia in definitiva la perdita- si sarebbe verificato nel patrimonio del cliente, ma deve invece essere calcolato dalla data dei singoli acquisti dei titoli.

Leggi qui Scarica la sentenza    

Documento di consultazione delle ESAs

E’ stato pubblicato il documento di consultazione delle ESAs (EBA, ESMA, EIOPA) contenente gli RTS sul contenuto, sulla metodologia e sulla presentazione delle informative ESG sia a livello di intermediario/emittente, che a livello di prodotto. Sul primo aspetto, la bozza di RTS prevede la pubblicazione sul sito web degli intermediari/emittenti dei principali impatti negativi che le decisioni di investimento hanno sui fattori ESG. Per l’informativa di prodotto gli RTS individuano le modalità di rappresentazione delle caratteristiche o gli obiettivi di sostenibilità dei prodotti finanziari nella documentazione precontrattuale e periodica e sul loro sito web, anche nell’ottica di fornire disclosure sulle modalità con cui il prodotto si conforma al “Do no significant harm principle” (DNSH) individuato nel Regolamento UE 2019/2088 La consultazione termina il 1 settembre 2020 Leggi qui  

Stretta antiriciclaggio

La definizione Ivass di stabilimento senza succursale di una compagnia assicurativa UE contenuta nel documento di consultazione n. 4/2019 fa discutere. Esigenze di tutele antiriciclaggio e rispetto del criterio regolamentare di stabile organizzazione. Intervento di Luca Zitiello su Private di aprile. Leggi qui

Comunicazione UIF 16 aprile 2020

La UIF ha pubblicato il 16 aprile 2020 una comunicazione avente ad oggetto alcuni aspetti fondamentali a cui gli intermediari devono prestare attenzione in questo particolare periodo al fine di adempiere agli obblighi di segnalazione delle operazioni sospette. Secondo l’UIF specifici profili comportamentali a rischio possono ricorrere: – nell’ambito della gestione dell’emergenza sanitaria ed in relazione a possibili truffe nei settori delle forniture e dei servizi più direttamente collegati al contrasto del COVID-19; – nell’ambito del prolungato lockdown che determina evidentemente situazioni di difficoltà finanziaria rispetto alle quali è elevato il rischio di infiltrazione criminale da parte di organizzazioni che, attraverso il radicamento sul territorio, il reclutamento di affiliati presso le fasce più deboli della popolazione e l’ampia disponibilità di capitali illeciti, possono trovare nuove occasioni per svolgere attività usurarie e per rilevare o infiltrare imprese in crisi con finalità di riciclaggio; – nell’ambito dell’operatività a distanza ed in particolare assumono rilievo gli strumenti di pagamento elettronici e l’esposizione al rischio di reati informatici in danno di singoli utenti ovvero di imprese o enti (si fa riferimento ai fenomeni di phishing, di cd. Business email compromise o CEO frauds ovvero agli attacchi ransomware) Leggi qui

Comunicazione congiunta Consob Banca d’Italia del 14 aprile 2020

Il 14 aprile è stata emessa una Comunicazione congiunta da parte di Consob e di Banca d’Italia sulla scorta del Public Statement di ESMA del 9 aprile in cui l’Autorità europea con riguardo alla pubblicazione dei dati annuali e semestrali degli Oicr, in ragione del contesto pandemico, per un verso si aspetta che le Autorità nazionali agiscano nel rispetto della disciplina interna, per l’altro non mettano come priorità l’esercizio dell’azione di vigilanza nei confronti dei gestori collettivi che non rispettino le scadenze. Consob e Banca d’Italia, considerato che al momento non sono state segnalate difficoltà né prospettate esigenze di proroga da parte dei gestori collettivi italiani, si attendono che gli operatori esprimano il maggiore sforzo organizzativo possibile per soddisfare le esigenze informative entro i termini previsti dalla disciplina nazionale.   Leggi qui  

Decreto Liquidiità

Pubblicato nella G.U. di oggi, 9 aprile 2020, il c.d. Decreto Liquidità. Le misure di contrasto alla diffusione del virus Covid 19 incidono anche sulle modalità di conclusione dei contratti bancari con la clientela al dettaglio. Nell’art. 4 si detta una disciplina emergenziale e transitoria per la conclusione dei contratti e per l’esercizio del diritto di recesso, consentendo al cliente retail l’utilizzo della posta elettronica ordinaria. La semplice mail sostituisce provvisoriamente la firma digitale o altro tipo di firma elettronica qualificata o avanzata. Una semplificazione importante con qualche problema applicativo, che però non copre i settori contigui dei servizi di investimento e delle polizze assicurative. Scarica .pdf